sabato 30 novembre 2013

ARETE' (Danila Oppio)

Trovo molto bella questa poesia di Danila Oppio


Non sei un uomo, se non hai pietà
Di chi soffre e d’ogni cosa manca
Non sei saggio, se non tendi la mano
A soccorrere chi aiuto ti chiede
Non sei forte, se non hai il coraggio
Di difendere la tua morale integrità

Non sei giusto, se trascuri l’ordine
Se non sai discernere
E non ti apri al dialogo
Nella continua ricerca
Del pensiero umano e la ragione
E raggiungere con coerenza
Il fine della perfezione

Se il tuo animo non è disposto
Nel modo perfetto d’essere – aretè
Manchi di virtù, che è l’eccelso modo
Per fare di te un uomo vero
Poiché il pensiero filosofico
Cerca assoluta verità
Risveglia la coscienza
E conduce alla virtù.

La ricchezza dell’uomo non contempla
Casseforti blindate colme di tesori
E’ custodita nel sol luogo
Dove si sviluppa quel bene
Assoluto che è il pensiero
E la virtù, che conduce l’uomo
Alla creazione di una società civile
Di cui il singolo la compone
Con ogni pur piccolo mattone

Danila Oppio

giovedì 21 novembre 2013

IL PRINCIPE FELICE (Oscar Wilde)







...La Rondine sorvolò allora la grande città e vide i ricchi che festeggiavano nelle loro splendide case, e i mendicanti per terra, nelle strade. Sorvolò squallidi vicoli e vide pallidi visi di bambini affamati guardare spenti quelle buie strade. Sotto l'arco di un ponte due bambinetti, per terra, abbracciati, tentavano invano di scaldarsi. "Abbiamo fame" dicevano. "Via da qui"! gridò il guardiano.
E s'incamminarono sotto la pioggia.
La Rondine tornò dal Prinicpe e gli raccontò quello che aveva visto.
"Sono tutto ricoperto di foglie d'oro fino" disse il Principe. "Staccamele tutte, a una a una, e portale ai miei poveri. I vivi credono che l'oro possa renderli felici".
La Rondine ubbidì: a una a una staccò tutte le foglie. Che grigio, che spento sembrava ora il Principe Felice. 
A una a una la Rondine portò le foglie ai poveri e le guance dei bambini diventarono rosa.
Per la strada ridevano e giocavano e gridavano "Pane! Abbiamo pane, finalmente!"...

- Tratto dal Principe Felice di Oscar Wilde, traduzione di Vivian Lamarque -

lunedì 18 novembre 2013

VOGLIONO SEMPRE IMPEDIRMI DI ESSER TRISTE (Piero Jahier)






Vogliono sempre impedirmi
di esser triste

Vogliono sempre impedirmi di esser triste;
ma se è la mia sola gioia esser triste:
cresce solo piangendo
questa gemma d'albero che volete asciugare

- Piero Jahier - 

sabato 16 novembre 2013

NELL'ANTOLOGIA




Tanti poeti
nell’antologia
poetesse poche
ma aumenteranno
di anno in anno
perché la loro madre
Poesia
le attende da sempre
con grande
nostalgia.

- Giovanna Giordani -

giovedì 14 novembre 2013

LO SPECCHIO (Charles Baudelaire)


Induce alla riflessione questa di Baudelaire:





Un uomo spaventoso entra e si guarda allo specchio.
"Perchè vi guardate allo specchio, se vedervi vi dà solo dispiacere?"
L'uomo spaventoso mi risponde:

"Signore, secondo gli immortali principi del 1789,
tutti gli uomini sono uguali nei loro diritti;
e dunque io posseggo il diritto di guardarmi;
se con piacere o dispiacere,
questo riguarda solo la mia coscienza".

In nome del buon senso, io avevo senza dubbio ragione.
Ma dal punto di vista della legge, lui non aveva torto.

- Charles Baudelaire -

lunedì 11 novembre 2013

MI HAI INSEGNATO (Regit)


Regit è lo pseudonimo di una bravissima poetessa conosciuta sul sito Athenamillennium




Gira dentro il motivo
e si ferma  nel sottinteso acuto  
dell'arsura che la  gola fagogita.

 Stupisco  tra  muti  resti d’autunno
che trasportano   pensieri svogliati
nella nebbia di offuscati  mattini.

Sull’ultima foglia sborda smarrita 
la prima brina , che  la terra ingurgita
e scioglie ,facendo a pezzi il silenzio.

 Breve  nel respiro , svuoto  lo sguardo ;
spezzo le parole  e ne fò  fascine ....
le accenderò a quintali sulla carta
così l'attesa cancellerà il tempo
e sarà l'assenza  un'illusione ottica.

Mi hai insegnato che le cose belle 
 se lo vogliamo, sono inalterabili .... 

- regit

giovedì 7 novembre 2013

NOVEMBRE






Applaude il sole
alle danze sinuose
musicate dal vento
fra gli alberi seminudi

- Giovanna Giordani - 


sabato 2 novembre 2013

Dall'A alla Z... l'alfabeto dei poeti (Beatrice Zanini)

Le persone non muoiono, restano incantate
- Joao Guimaraes Rosa - 





Tu che mi segui fitto fitto
in trama di parole e versi
tu che ti affacci e basta
un sorriso :-)

Tu amico di penna
inchiostro e di sventura
mi tieni fermo il margine
chè non esca poi di troppo
il mio dolore

e mi parli
e ti parlo
senza vergogna di mostrare
le nostre nudità evidenti

sulla schermata
si sfiorano i palpiti
si incontrano le parole
si penetrano i pensieri
si incarnano le immagini.

La vita in fondo
è anche geometria di voci
un cerchio diseguale
l'imperfetto movimento
che aggrega le distanze

qui
sul nascere
è poesia d'abbraccio


- Beatrice Zanini -





Post in evidenza

QUANDO

https://secure.avaaz.org/it/petition/VORREI_CHE_IL_DIRITTO_INTERNAZIONALE_SI_ATTIVASSE_AFFINCHE_CESSI_OGNI_GUERRA_NEL_MONDO/?pv=6 Qua...