venerdì 29 gennaio 2016

ORA CHE GLI UOMINI (Nino Silenzi)


Ora che gli uomini
muoiono
a grappoli,
le donne
più non partoriscono,
i bambini
più non sorridono,
nemmeno la terra
li riconosce
con le membra
sparpagliate tra i crateri
delle bombe intelligenti
e tra l'orrido sfasciume
delle autobombe.
E da questo Mondo 
s'elevano canti
trepidanti
crepitanti
a Dio e ad Allah,
presi a testimoni
del proprio crudele
fanatismo,
dell'odio liberticida,
del rancore accarezzato,
così i misfatti s'ammantano
di giustizia e amore
in un'orgia di sangue
innocente.
Colpa dell'uomo, certo;
ma Dio ed Allah
che tutto hanno creato,
cosa ci fanno lassù?
- Nino Silenzi - 

mercoledì 27 gennaio 2016

ABBIAMO UN'INCREDIBILE FORZA D'ASTRAZIONE (Admiel Kosman)



Abbiamo un'incredibile forza d'astrazione.
Incredibile. Dal colle noi vediamo
il corpo gigantesco
del male reclinarsi sul cielo
e rianimarlo bocca a bocca. Siamo
su un alto colle, vediamo
con incredibile nitore il corpo
gigantesco del male reclinarsi sul cielo
e rianimarlo bocca a bocca. Siamo
su un alto colle che sovrasta
gli abitanti dei villaggi. Vediamo bene di qui
come il corpo gigantesco e maculato del male in piedi inietta
forza e calore nei figli degli dèi distesi
sul letto del cielo.

Abbiamo un'incredibile forza d'astrazione. Incredibile.
Ed ecco, in un sol quadro: nitidamente, a fuoco, con
         chiarezza
incredibile: come sono gli dèi, di che statura, e a che trama
d'aerei fili di affetti, astutamente resta
appesa questa vita, come un ragno, trattenendo il fiato,

al di sopra dell'altissima ringhiera, bella
incredibilmente dell'orrido patibolo.

- Admiel Kosman -
poeta israeliano

domenica 17 gennaio 2016

WINTER DREAMS




 Candidi suoni 

  silenti

  cullano il bosco  d'inverno

  Solo un canto di cigno

  svanisce lontano

  fra il pallido manto

  di soffici

  stelle

  cadenti.


- Giovanna Giordani

venerdì 15 gennaio 2016

IL FUMO



Dalla finestra aperta sulla via
ascoltando la mia malinconia
notai il fumo uscire dal camino
di una casetta proprio lì vicino

Vaporoso ondeggiando con malìa
rapì quel fumo la tristezza mia
e nel cuore nasceva pian pianino
l'estasi come quella di un bambino

Una pace mi prese nel mirare
il librarsi nell'aria di quel velo
fuggito dal camin del focolare

E mentr'esso svaniva su nel cielo
io lo seguivo senza più pensare
come all'azzurro guarda l'asfodelo

- Giovanna Giordani - 

mercoledì 6 gennaio 2016

LA BEFANA




La befana ormai si sa
anche oggi arriverà
dritta dritta giù dal cielo
non temendo il freddo e il gelo
 Alla vista di un camino
guarda giù se c’è un calzino
se lo trova bell’e pronto
scende giù con un bel tonfo
lo riempie di regali
poi risale senza ali
sulla scopa che l’aspetta
e prosegue di gran fretta
con la cesta sulla schiena
da svuotare di gran lena
E alla fine del suo viaggio
lei sorride a tutti quelli
che la guardano volare
con la scopa che lei sola
sopra tutti sa guidare

- Giovanna Giordani - 



Post in evidenza

QUANDO

https://secure.avaaz.org/it/petition/VORREI_CHE_IL_DIRITTO_INTERNAZIONALE_SI_ATTIVASSE_AFFINCHE_CESSI_OGNI_GUERRA_NEL_MONDO/?pv=6 Qua...